Nonostante da tempo Google abbia annunciato miglioramenti nell’indicizzazione dei siti web realizzati in Flash, i risultati per quanto mi riguardano non sono ancora compatibili con le applicazioni create non utilizzando tale ambiente di sviluppo.
In occasioni come questa non resta che creare un sito web parallelo centrato sulle parole chiave e ricco di contenuti utili per gli utenti, in poche parole Google friendly, ed aspettare che settimana dopo settimana i risultati nelle SERP migliorino, magari modificando anche pesantemente i contenuti strada facendo nel caso in cui la scalata non sia così fruttuosa.
Questo è il caso di Cieffe Carrelli dove il sito parallelo è stato focalizzato sulle parole chiave del settore della movimentazione con un preciso target geografico per la provincia di Torino.
Flash senza dubbio offre delle prospettive di design e grafica nettamente superiori ma resto dell’idea che sia sempre più efficace un sito graficamente meno attraente ma facilmente rintracciabile attraverso i motori di ricerca….scusate la catalanata.